Google+ Rimedi naturali salute: Riconosciuto collegamento tra wifi e malattie

17/10/15

Riconosciuto collegamento tra wifi e malattie

Campi elettromagnetici e malattie

Una storia che ci viene da fuori Italia, ci porta la notizia che all'estero cominciano a riconoscere i danni che il wifi e la banda ultra larga dei cellulari, può arrecare alla salute, riconoscendo l'invalidità civile di alcune persone che in Europa si sono dimostrate "allergiche" alle radiazioni wifi e dei cellulari.


Wifi riconosciuto causa di malattie


Il tribunale di Tolosa, Francia, ha sancito il riconoscimento di invalidità civile con annesso accompagnamento pagato, a una donna Francese che soffre di elettrosensibilità, ovvero allergica alle onde elettromagnetiche provocate dalla trasmissione di dati tramite Banda Ultra Larga.

Ogni volta che si soffre di questa patologia non si riesce a sostare anche per pochi secondi, in zone interessate da campi elettromagnetici delle onde radio di cellulari e wifi, fatto che costringe la persona che ne soffre a diventare un eremita allontanandosi dalla società per evitare brutte infiammazioni muscolari e nervose che subentrano con tale patologia.

Nonostante l'establishment medico-scientifico stenti a riconoscere i fatti, anche se il problema è in via di diffusione in special modo nei paesi più tecnologizzati, la crescita di questo problema legato all'elettromagnetismo si sta espandendo nel mondo, come dimostrato da studi indipendenti come il lavoro della Commissione Internazionale per la Sicurezza dei Campi Elettromagnetici (ICEMS).

Anche in Italia, comunque, si è battuto un nuovo blocco contro questo problema che parte dal tribunale di Brescia , che ha sentenziato, sentenza confermata in Cassazione nel 2012, che esiste un nesso causale tra l'uso prolungato del cellulare e l'insorgenza di masse tumorali.

Una cosa molto sospetta, a mio parere, è che l'avviso di pericolo ci pervenga non dall'OMS (Organismo Mondiale di Sanità) ma bensì dalle toghe dei giudici: tutto questo, nonostante sia sempre coperto (per denigrarlo) dal solito manto complottista, l'elettromagnetismo ormai è stato collegato a malattie nervose e tumorali ma si continua a negare l'evidenza. Altri casi si sono paventati ai media ma messi a tacere da un sottile menefreghismo colluso, come quello dell'imprenditore americano che dopo anni di uso del cellulare e di apparecchi cordless, ha sviluppato un tumore, poi guarito.

Sai che Renzi ha l'intenzione di innalzare i livelli accettabili di esposizione radioattiva (campi elettromagnetici) a 61 V/m? Fino a quando gli interessi di lobby e ladri o venduti faranno le regole che ci dovrebbero difendere ? 

Fonte: