Google+ Rimedi naturali salute: Super vaccino influenzale

16/09/15

Super vaccino influenzale

Super vaccino anti influenza

Super vaccino anti influenza

Studiosi olandesi e americani hanno sviluppato, o così dicono, un vaccino che dovrebbe sostituire ogni altro vaccino contro l'influenza, anche se sussistono ancora molti dubbi in merito, specie visti i risultati deludenti negli anni passati. 


Vaccino influenzale ultima frontiera


Studiosi olandesi e americani hanno studiato i limiti del classico vaccino influenzale che solitamente veniva suggerito ogni anno per combattere gli effetti del virus dell'influenza appunto, arrivando a creare una sorta di vaccino che non vada più a colpire la singola molecola virale. 

Solitamente, il vaccino influenzale, non è stato in grado di fermare tutti i ceppi virali collegati: ad ogni influenza, anche aiutati da vaccini di pessima qualità e poco reattivi o con scarsa attività reale nei confronti del virus influenzale sotto diverse leggere differenze, non ha portato alla copertura desiderata.

Con il vaccino fino ad ora sviluppato e usato contro l'influenza, solo il 3% dei casi si poteva ritenere realmente coperto dalla somministrazione del vaccino, nonostante quanto creduto da chi ne ha fatto e ne fa uso ogni anno (a dirlo sono gli stessi medici che hanno monitorato l'andamento del virus influenzale anno per anno). 

Il nuovo vaccino non agisce come al solito "bersagliando" la testa (la parte che contiene il DNA utile al virus per replicarsi) del virus che seppure facilmente attaccabile è anche molto mutevole, quindi spesso diventa immune da eventuali contromisure mediche. Con il nuovo vaccino, si bersaglia la "coda" del virus che non muta quasi mai e dagli esperimenti fatti su mammiferi sembra essere efficace in maniera ben superiore rispetto ai vaccini passati.

Quasi tutti i ceppi influenzali sembrano venir resi innocui dal nuovo vaccino quindi ora il prossimo step è produrre un vaccino che non abbia un termine ma si adegui a eventuali leggere mutazioni del virus dell'influenza così da rendere virtualmente immune colui al quale venga inoculato il vaccino. 

Tutte belle parole che spero nascondano il fatto che si possa attuare questo proposito e che non si tratti dell'ennesimo escamotage per far proliferare l'uso di vaccini inutili e pressoché dannosi alla salute e all'equilibrio del sistema immunitario umano. La storia e il tempo ci daranno la risposta al caso ....