Google+ Rimedi naturali salute: Epidemia influenzale? No...

27/02/15

Epidemia influenzale? No...

Falsità problemi per calo vaccinazioni
Virus influenzale non così aggressivo come detto

Un altra notizia che certifica come la spinta emotiva data dai media sul calo delle vaccinazioni abbia esagerato sul reale livello di ammalati caduti sotto la spinta del virus influenzale quest'anno.


Falsità sul calo vaccinazioni


Stamattina mi alzo come sempre, leggo le prime pagine di molti giornali fino a che non capito sul sito de LaStampa.it  e che cosa leggo? 

Che gli ambienti medici hanno visto come tra il problema legato alla partita di vaccini antinfluenzali del Flud, messa sotto controllo per "presunti" problemi verso chi lo assumeva, il calo di vaccinazioni e i ceppi sbagliati dei virus usati per fare i vaccini, hanno messo a letto poco più di cinque milioni di italiani.

Mi risulta, che in Italia, la popolazione sia più o meno intorno ai 56-58 milioni di individui. Se la matematica non è una opinione, ma visto l'uso che se ne fa in Italia per dare statistiche a caxxo, non mi pare che si tratti di una influenza così particolarmente devastante. 

In passato ci sono stati dei ceppi influenzali molto più aggressivi che hanno messo a letto (strano in quel periodo non spingevano ancora le vaccinazioni perciò non parlavano mai di morti..) molto più di quelli calcolati per quest'anno.

Riporto integralmente le parole usate da chi controlla i casi e calcola l'incidenza dell'influenza:

"Per la settimana fino al 22 febbraio l’osservatori Influnet ha registrato un numero di casi stimati pari a circa 390.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 4.754.000 casi. Il livello di incidenza finora raggiunto, scrivono anche gli esperti della rete nel bollettino, è di media/alta entità e la curva epidemica è sovrapponibile a quella osservata nella stagione post pandemica del 2010-2011. 

Per quanto riguarda le fasce d’età più colpite, in quella tra 0 e 4 anni l’incidenza è pari a 13,45 casi per mille assistiti, tra 5 e 14 anni a 11,08, tra 15 e 64 a 5,99 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 2,82 casi per mille assistiti. Le regioni più colpite restano, come nelle precedenti fasi dell’epidemia, Marche, Basilicata, Sardegna, Lazio, Campania, Piemonte ed Emilia Romagna. "

Fonte: lastampa.it

Ora voglio dire.... fino a due settimane fa si parlava di morti non vaccinati, a decine o addirittura a centinaia... Poi mi dicono che sono un "complottaro" come si usa dire oggi. 

A me pare che sia corretto affermare che, spesso, si usa la paura per far scaturire reazioni di pancia o emotive, che dir si voglia, per poter vendere vaccini completamente inutili nella maggior parte dei casi, che altrimenti non farebbero altro che restare nei magazzini e scadere.

Come ho sempre detto: vaccinatevi mi raccomando, anche se non avete nulla, anche se non avete problemi di salute, ma ricordate che state solo facendo il loro gioco.