Google+ Rimedi naturali salute: Vaccini all'orizzonte per nuovo virus?

09/09/14

Vaccini all'orizzonte per nuovo virus?

Influenza virale pericolosa falsa

Un nuova ondata di terrore virale profusa dagli organi di informazione, per vendere i vaccini relativi a cure "miracolose" che possono riguardare il nuovo virus H1N1? Le lobby del terrore tentano nuovamente di instillare la paura nella mente della gente per portare i numeri delle vaccinazioni nuovamente a crescere.


Vaccini utilità reale

Chi non ricorda i vari virus dell'influenza che vennero tanto decantati negli anni passati ma che effettivamente non crearono pressoché danni, e no grazie ai vaccini? 

Già allora il numero delle vaccinazioni era in forte calo e, guarda caso, saltarono fuori virus "pestilenziali" come l'H1N1 che si diceva potesse portare a un nuovo caso di peste influenzale come la Spagnola. Non accadde nulla, nonostante moltissime persone non si fossero fatte convincere a farsi vaccinare (io in primis. Non mi venne nemmeno un raffreddore). 

Ora negli Stati Uniti è partita (guarda caso, proprio in concomitanza della stagione fredda, anche se il freddo non si fa ancora sentire) sta cominciando una nuova campagna del terrore virale che ha come personaggio principale il virus denominato Enterovirus D68. La notizia che lo porta sulle prime pagine di giornali cartacei e del web, riporta:

"Enterovirus D68: ecco un altro nome da conoscere e temere. Negli Stati Uniti centinaia di bambini sono stati contagiati dal virus che causa in genere raffreddori, magari potenti, ma può portare a reazioni tanto gravi da richiedere il ricovero in terapia intensiva.

Dei 900 bambini ricoverati in ospedale a Denver, 25 sono finiti nell’unità intensiva. A Kansas City, dei 450 ricoverati, il 15 per cento ha avuto bisogno delle stesse terapie. E il virus sembra stia allargandosi: dieci Stati hanno chiesto aiuto al CDC, il Centro federale per il Controllo delle Malattie Infettive, perché stanno registrando crescenti focolai di infezione che sembrano causati dall’EVD 68.

«Lavoro in pediatria da 30 anni e non ho mai visto una situazione del genere» ha detto Mary Anne Jackson, direttrice del reparto malattie infettive del Children’s Mercy Hospital di Kansas City. «Questa è una crisi grande, senza precedenti» ha aggiunto.

E a Denver, al Rocky Mountain Hospital for Children, il dottor Raju Meyeppan ha confermato: «E’ la peggior crisi che io abbia mai visto nel nostro ospedale». Anche al CDC non nascondono l’allarme: «Stiamo studiando la situazione. Ma temiamo che il numero di casi gravi registrato finora sia solo la punta dell’iceberg» ha spiegato il dottor Mark Pallansch, direttore della divisione malattie virali dell’ente federale.

L’Enterovirus D68 è stato scoperto negli anni Sessanta. Il più delle volte causa forti raffreddori, che passano da sè con riposo e cure palliative. Non esiste un vaccino. Di conseguenza il più delle volte non si sa se il raffreddore sia stato causato da questo virus o da altri. Difatti i casi confermati negli Stati Uniti fra il 1985 e il 2005 sono stati meno di cento.

Ma l’Evd 68 ha la possibilità di diventare alquanto feroce, e causare nei più giovani condizioni gravi, soprattutto nei bambini e nei giovani che soffrano di asma o altri problemi respiratori o di salute. Nella crisi attuale, che già molti definiscono un’epidemia, nessuno riesce a spiegarsi perché il virus sia esploso con tanta virulenza e perché il contagio si stia diffondendo con tanta velocità. L’allarme è oramai ufficiale, tant’è che il pediatra Richard Besser, ex direttore del CDC, ammonisce: «Questo virus è per ora solo in dieci Stati, ma i virus non conoscono i confini, tutti gli Stati devono essere pronti, arriverà anche da loro»."


Bene ora analizziamo la notizia: parlano di un virus che è conosciuto dagli anni '60, e solo ora comincia a "mietere vittime"? Ma vediamo le parole usate per instillare terrore e forti dubbi nella mente dei genitori (guarda caso ha colpito solo bambini.... proprio i soggetti che cominciano a non essere più vaccinati): "un altro nome da conoscere e TEMERE", nelle prime due righe parlano di un virus che causa l'influenza e che PUO' portare al ricovero... ogni virus influenzale può portare al ricovero nei soggetti più delicati per cause proprie non certo per il virus.

Si parla di 900 casi di bambini ricoverati (non specificano che è stato fatto a titolo cautelativo e non perché necessario) e SOLO 25 su questo numero (naturalmente i malati sono stati molti di più ma stranamente non c'è stata una ecatombe per colpa di questo virus influenzale) sono stati ricoverati in sala di rianimazione, cosa che dice che si tratti solamente di un altro virus influenzale e basta. Si dice subito che non esiste un vaccino... non ancora ... riportano altresì che i casi generati da questo virus dal 1985 al 2005 sono MENO di un centinaio. Incredibile!!! Ci stanno spaventando per una normale influenza che in certi rari casi può diventare grave, a causa di difficoltà immunitarie o di salute personali, di varia origine!!!

Ma per "rassicurarci" ci dicono anche che il virus EVD 68 può diventare anche FEROCE, chiara parola che colpisce l'immaginario bestiale di ognuno, in special modo dei genitori, soprattutto (e voglio rimarcarlo) nei bambini che soffrano di asma.... 

Ma si parla anche di epidemia, parola che nei casi come per l'ebola si cerca di evitare o ridimensionare per non allarmare la gente, mentre in questo caso si parla apertamente di epidemia che si sta avvicinando a noi... se questa non è la tecnica del terrore non so cosa sia. 

Per finire un dottore dice che il contagio arriverà anche negli altri Stati, ovviamente la notizia fra qualche mese verrà usata anche dai nostri medici e Tg di informazione (anche se dovrei parlare di disinformazione). Insomma, come vedete, vi invito a non ascoltare più la televisione perché ogni volta che un bambino starnutisce in Australia una epidemia nasce in Italia (frase liberamente poetica ripresa dal principio della farfalla). 

I vaccini possono essere utili ma non per forza necessari come ad esempio per le malattie infantili che personalmente ho passato senza problemi quando ero piccolo e senza problemi di salute poi.