Google+ Rimedi naturali salute: Guggul tonifica il sistema endocrino

24/11/13

Guggul tonifica il sistema endocrino

Resina guggul proprietà

L'estratto di questa resina indiana di Guggul stimola la tiroide, ravviva la circolazione e migliora anche la resistenza alle basse temperature.

Resina guggul rimedi naturali proprietà

Conosciuto nella farmacopea popolare come "albero della mirra", il guggul cresce nelle aride regioni dell'India nord-occidentale e in particolare in Rajasthan, Gjarat e Karnataka. Citata nell'Atharka Veda, il libro di scritture sacre indiane, la Commiphora mukul, che è il nome botanico del guggul, è una pianta ampiamente descritta dall'antica tradizione medica ayurvedica

Per lunghi secoli questa pianta è stata soprattutto prescritta per disturbi quali dolori e infiammazioni a livello articolare, ma in tempi più recenti sono state scoperte proprietà della pianta del guggul attive sul metabolismo della tiroide e, in particolare, oggi se ne conferma l'utilità per trattamento del sovrappeso. Alla fine dell'autunno, in una fase stagionale in cui la natura rallenta i suoi ritmi e si ripiega su sé stessa, ci succede di avvertire dei cali di energia che possono ripercuotersi anche sul funzionamento di una tiroide già pigra. Dalla corteccia del guggul si estrae una resina ricca in guggulsteroni, che normalizzano la produzione degli ormoni tiroidei, incrementando il loro dosaggio nel sangue e migliorando il metabolismo basale. 

La funzionalità della tiroide, che tra le sue molteplici attività secerne gli ormoni T3 e T4, può quindi essere migliorata utilizzando l'estratto della pianta standardizzato in guggulipide. Nel caso di ipotiroidismo accertato o di tiroide pigra e rallentata, che si manifesta con stanchezza, freddo alle estremità, astenia e dolori diffusi, si può provare ad assumere per un mese una capsula al giorno da 250 mg di estratto secco di guggul. 

Il trattamento può essere ripetuto 3-4 volte l'anno, soprattutto in corrispondenza dei cambi di stagione. Consiglio comunque di assumere la sostanza sotto controllo medico per non andare a inficiare o aumentare l'effetto di altri medicinali che si stano già assumendo, inoltre ricordo che tutti i trattamenti fitoterapici che riguardano la stimolazione della tiroide non possono essere effettuati durante la gravidanza e l'allattamento.