Google+ Rimedi naturali salute: Carbone vegetale gonfiore addominale

06/06/13

Carbone vegetale gonfiore addominale

carbone sgonfia addome
Carbone vegetale
Il carbone vegetale è un antico rimedio tutt'oggi usato per sgonfiare l'addome dai gas in eccesso oltre che per molti altri usi sia in casa che in natura.

Carbone vegetale usi

Il carbone vegetale è una polvere ottenuta dalla lavorazione e dalla purificazione del legno di alberi come la betulla, il pioppo o di salice. Per aumentarne l'efficacia, può essere attivato utilizzando vapore acqueo che, in questo caso, viene commercializzato come carbone vegetale attivo. Quest'integratore è noto per la sua capacità di assorbire sostanze tossiche e gas addominali, tanto da essere considerato un valido integratore alimentare nel trattamento di meteorismo, alitosi. e pancia gonfia. Inoltre, è utile per riequilibrare intestino dopo un periodo di dieta sregolata. 

In molti casi all'origine della classica pancetta c'è un intestino infiammato: quindi, la dilatazione addominale non è tanto provocata dal grasso quanto dal gonfiore dovuto alla fermentazione di cibi mal digeriti e di scarti metabolici che l'intestino non riesce a smaltire. Il carbone è il rimedio da preferire quando ci sentiamo gonfi, in particolare nella parte superiore della pancia, o quando la pancia risulta dolente al tatto. Il momento più difficile e dopo il pasto serale. I sintomi migliorano con l'espulsione dell'aria (che è più accentuata di notte) e con le eruttazioni.

Quando usare il carbone vegetale


La cura con il carbone vegetale è indicato soprattutto quando la pancia gonfia si accompagna a campi e/o tensione addominale, meteorismo, aerofagia, cattiva digestione, colite, stitichezza. Se ne consiglia l'impiego dopo le feste, i cenoni e tutti periodi di dieta sregolata: in questi casi basta prenderne due compresse al giorno, mattina e sera, con un abbondante bicchiere di acqua, per due settimane.

usare pastiglie di carbone vegetale
Carbone vegetale pastiglie


Come assumere carbone vegetale


In commercio il carbone vegetale si trova in tavolette, compresse e capsule. Se ne prendono da due a sei al giorno, con acqua, almeno a due ore di distanza dall'eventuale assunzione di farmaci (per evitare che il carbone impedisca il loro assorbimento). Il ciclo di cura dura un mese e può essere ripetuto più volte a distanza di 40 giorni. Per conservare la pancia piatta, assume il carbone a ogni cambio di stagione.

Le minuscole particelle del carbone vegetale trattengono l'aria che si sviluppa a livello gastrico intestinale eliminando gonfiori e tensione addominale. Quest'integratore anche in grado di assorbire ed eliminare i batteri, le tossine e i residui di farmaci che favoriscono le infiammazioni del tratto digerente, contro la pancia e, col tempo, possono far rallentare il metabolismo. Se soffre di stipsi ostinata, evecui a fatica e arrivi alla sera con l'addome teso e dilatato, abituati ad assumere il carbone non con un'acqua qualsiasi ma con una minerale ricca di magnesio: amplifica le virtù decorative e dolcemente la sottile del carbone.