Google+ Rimedi naturali salute: Argilla sostanza di vita

03/10/12

Argilla sostanza di vita

tecniche mediche argilla

argilla curativa tecniche


Riprendiamo la trattazione di quali possano essere gli usi dell'argilla per curare la nostra salute, riprendiamo con la lettera F e proseguiamo.

Fegato, Cistifellea, cirrosi, colica epatica, insufficienza epatica

Sono molte le patologie che colpiscono tali organi e in pratica tutte si trattano in maniera analoga, l'importante è stabilire la tolleranza del paziente ad applicazioni calde o fredde. Cominciate quindi con un leggero cataplasma freddo e se entro mezz'ora non interverranno dolori o freddo eccessivo, nei giorni successivi aumentate lo spessore del cataplasma sino a 2 centimetri, in caso contrario applicate cataplasmi tiepidi o caldi.  Determinata la temperatura dell'argilla continuate a fare 2 cataplasmi d'argilla al giorno lontano dai pasti sino a miglioramento, in caso di colica biliare applicate cataplasma caldo coprendolo poi con una borsa calda.

febbre influenza


Di cause di varia tipologia causa un aumento della temperatura talvolta è di origine allergica. Ovviamente la cura dovrà adattarsi alla causa scatenante l'evento febbrile, in linea generale potete procedere applicando bagnoli di acqua argillosa fredda sulla fronte e rinnovandoli non appena si intiepidiscono. In caso la temperatura non accennasse a diminuire  in tempi ragionevoli, potete applicare impacchi freddi d'argilla sulla nuca e sulla fronte rinnovandoli frequentemente. Per combattere catarro, tosse, febbre, malattie influenzali, fate bollire i fiori di calendula per qualche attimo in acqua e lasciate riposare per 10 minuti quindi filtrate e bevete 2 tazze di decotto al giorno a digiuno.

Intossicazioni 


Di qualsiasi natura esse siano bevete ogni mattina 2 cucchiaini di argilla ventilata sciolta in 1 bicchiere di acqua compreso il deposito sul fondo, durante la giornata succhiate qualche pillola d'argilla, di grande utilità anche un cataplasma d'argilla dello spessore di 2 centimetri da tenere sulla zona del fegato per 1 ora circa.

Lombaggine

Reumatismo della muscolatura sacro-lombare imputabile a freddo, umidità, strappi muscolari, sforzi eccessivi. Applicate 2 volte al giorno cataplasmi tiepidi o caldi arricchiti con qualche goccia di olio di oliva e teneteli in posa per 2 o 4 ore. Se non crea disturbi eseguite una fasciatura da tenere per l'intera notte, cessata la crisi dolorosa continuate facendo applicazioni calde a giorni alterni mescolando all'argilla 30 grammi di farina di semi di lino.